News

Aggiornamenti dal mondo immobiliare

Nuova legge sulla vendita degli immobili

LEGGE

4 agosto

2017, n. 124

Legge annuale per il mercato e la concorrenza.

(GU n.189 del 14-8-2017)

Vigente al: 29-8-2017

Vi siete mai chiesti perché è obbligatorio andare dal notaio per il passaggio di proprietà di un immobile? Semplice: il notaio è un pubblico ufficiale il cui compito è garantire la validità di un contratto stipulato in sua presenza, ma soprattutto è colui che ha facoltà di attribuire pubblicità ad un atto (cioè renderlo pubblico e opponibile a terzi). La funzione di pubblicità di un atto è resa attraverso la trascrizione dello stesso presso la Conservatoria dei registri immobiliari e va fatta nel minor tempo possibile. Facciamo un esempio. Il Signor Mario va dal Notaio per stipulare l’atto di compravendita (rogito) del proprio immobile con il Signor Giovanni che acquista. L’atto firmato è regolare ma non ancora trascritto, quindi nessuno vieta al Signor Mario di procedere ad una seconda vendita presso lo studio di un altro notaio ed incassare altro denaro. Ovviamente questa procedura è illegale ed il legislatore ha pensato ad uno strumento che possa tutelare la parte acquirente da eventuali illeciti. Infatti la nuova Legge 124/17 vigente dal 29 agosto 2017 prevede che su richiesta di una delle parti (venditore o acquirente), sia depositato presso il notaio l’intero corrispettivo di vendita attraverso assegno circolare intestato al notaio oppure con bonifico su un conto corrente dedicato intestato al notaio. A questo punto il notaio trattiene il cosiddetto “deposito prezzo” sul conto dedicato: un conto impignorabile e protetto da eventuali esecuzioni contro il notaio stesso ed il suo patrimonio personale. L’iter della compravendita si conclude con l’avvenuta trascrizione del rogito e conseguente trasferimento del denaro dal conto del notaio a quello del cliente venditore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *